Loggia Della Basilica Di Sant Antonio
basilica-sant-antonio-padova.jpg

Breve storia della Basilica
La Basilica di Sant'Antonio, conosciuta con il nome "Il Santo", è il centro religioso più importante della città, e meta di migliaia di pellegrini che ogni anno, e in particolare il 13 giugno, festa del Santo, invadono la città per la famosa processione.

La Basilica, che fu iniziata nel 1232 per custodire la tomba del frate francescano Antonio, morto a Padova nel 1231, sorge nel luogo ove già dal 1110 esisteva una chiesa dedicata a Maria poi inglobata nella Basilica come Cappella della Madonna Mora.
Nel 1229 era sorto accanto alla chiesetta il convento dei frati fondato probabilmente dallo stesso Sant'Antonio.

La loggia
La loggia è un elemento architettonico, aperto integralmente almeno su un lato come una galleria o portico, spesso rialzato, coperto e di norma sostenuto da colonne e archi. La loggia della Basilica del Santo è pervia, ossia percorribile e dunque può essere visitata.
Le logge si trovano perlopiù al pianterreno, ma nel caso della Basilica essa si trova al primo piano sopra le arcate.

Elementi matematici nella loggia

La loggia può essere osservata tramite trasformazioni geometriche: la traslazione e la simmetria. Innanzitutto, la cella base che prendiamo in considerazione è composta da due colonne che sorreggono un arco a sesto acuto (o a ogiva). Le diciotto ripetizioni di tale cella base compongono la loggia della Basilica. La cella, dunque, viene traslata per diciotto volte. La loggia può anche essere vista come una serie di simmetrie che hanno come cella base sempre l'arco a sesto acuto sorretto dalle due colonne. Gli assi di simmetria sono individuati dalle colonne stesse.

Immagine2.jpg
Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License